Go to content area
Plexus current art projects
Erosions and Renaissance Shows


EROSIONS AND RENAISSANCE ACTS FROM 2004 TO 2012

 

 

 

Act I was presented in Dakar, in June 2004, in Dakar, to call for attention on the sea erosion at the “Door of No Return” in the House of Slaves on Goree Island, a UNESCO World Heritage site, as a symbol of all humankind erosions.

 

Act II was staged in Ballarat, Australia in December 2004, to call for attention on the erosion of the Maroota Plateau, a sacred Aboriginal site of the Wathaurong aboriginal community.

 

Act III started in Lecce, Italy, in May 2005 at the Academy of Fine Arts. It ended on October 1 2005, at the National Academy of Dance in Rome, to raise attention on the erosion of the healthy Mediterranean lifestyle and the growing prevalence of childhood obesity.

 

Act IV started in New York on December 10, 2005, Human Rights Day, and ended in Barcelona on March 8, 2006, International Women’s Day, to call for attention on the erosion of the Mediterranean Diet cultural food heritage.

 

Act V started on May 14, 2006, at the Door of No Return of the House of the Slaves in the Island of Goree, Dakar, Senegal, to raise attention on the increasing advancement of its sea erosion.

 

Act V was conluded in July 2006 in Las Palmas de Gran Canaria, to call for attention on how malnutrion and hunger were eroding the cognitive capacities of young generations in Africa.

 

Act VI landed in November 2006 in Sassari, Sardinia, to call for attention, on the occasion of the 2006 Year of the Desertification, on the increasing desertification in the Mediterranean region.

 

Act VII was staged on December 4-5 2007, in Viterbo, Italy, at the Rector Hall of the University, to call for attention on the erosion of biodiversity and genetic resources.

 

Act VIII was staged in May 2008, in Goree-Dakar, at the House of the Slaves, to stress the need to safeguard the DOOR OF NO RETURN from the dramatic advancement of the sea erosion as symbol of the natural and cultural heritage of Humankind under the risk of extinction.

 

Act IX was held on 3-4 November 2011 in Rome, at Centro Culturale Elsa Morante, to call for attention in direction to the Rio+20 conference was dedicated to the erosion of our living planet Gaia.

 

Act X, addressed to the Rio+20 conference, was presented as a preview on 1 May 2012, in Passo del Furlo, Marche, Italy, at the House of the Artists. The Part 1° was held on 12 May 2012, in Dakar, within the DakArt Off Biennal, at the Seni Mbaye Studio, to call for attention on the erosion of the cultural and natural heritage of humankind. The Part 2° was held on 9 June 2012, in Rio de Janeiro, at the Quilombola Community of Sacopa, to call for attention on the erosion of the living traditions of the planet. Part 3° was held on 14 June 2012, in Jerusalem, at the Hadassah Berry Studio, to call for attention on the erosion of Mediterranean diet lifestyle.

 

 

 

Artists who contribuited from 2004 to 2012:

 

Paivi Aala, Matilde Algamiz, Miguel Algarin, Fant Anaf, Larry Apendale, John Archer, Stefano Asili, Alioune Badara dit Prof, Badou, Garick Beck, Desley Beechy, Nicholas Bergery, David Boyle, Hadassah Berry, Fabrizio Bertuccioli, Gian Luca Bianchini, Carmen Bianco, Beatrice Bolletta, Carlo Antonio Borghi, John Brisbin, Marcello Brizzi, Willem Brugman, Geoff Buchan, Marco Caldarone, Lamberto Caravita, Angela Carotenuto, Nico Carone, Pilar Castel, George Chaikin, Kathleen M. Chaikin, Graciela Ciampini, Serena Colucci, Fabio Congedo, Ocean Earth Development Corporation, Gian Pietro Carrozza, Maurizio Cesarini, Guillaume Chappez, Carmela Corsitto, Michele Costantini, Alain Coulbary, Paola Culiersi, Antonio Damarko, Gerald Damiano, Joanne Davis, Manya Donaque Lopez de Arbina, Allohou De Babacar, Ilaria De Blasi, Giampaolo de Filippi, Ugo de Filippi, Eleonora del Brocco, Giovanna Dell’Anna, Glaucia Coelho Demenjour, Sandro Dernini, Antonello Dessi, Alfa Diallo, Cristina di Bomarzo, Daniel Diaz, Stefania di Carlantonio, Mamadou Dione, Badara Diop dit Badau, Cheikh Diop, Djibi Diop, Morin Diop, Jerome Dos Santos, Ibou Dos Santos, Atelier Dos Santos, Graeme Dunstan, Susan Dutton, Roberto Maria Federici, Gianni Felle, Franco Ferrari, Marco Fioramanti, Giorgio Fiume, Maria Forleo, Dale Fort, David Fred, Joanee Freedom, Amir Hanza, Catherine Hassall, Susan Hawthorne, Karen Heap, Rahul Gajjar, Arianna Galeazzi, Graziella Gangi, Giovanna Gandini, Lassana Gassama, Juno Gemes, Assane Gningue, Luis Gomis, Eva Rachele Grassi, Groupe de Recherche en Sculpture et Art Sonore (GreSAS), Tamsir Gueye, Lady Boddha Gwen, Angela Ibanez, Maria Ibanez, Valerio Immi, Niz Jabour, Imma Jimenez, Stacey Johnston, Julianna Joos, June Julien, Khail Edgar Jureidini, Susanna Kalk, Lynne Kanter, Ray Kelly, Graham King, Nava Koresh, Steve Lalor, Trudi Latour, Hanne H7L Lauridsen, Yves Leduc, Judy Levy, Pietro Liaci, Kerstin Lichblau, Arturo Lindsay, Monica Lisi, R Liz-N-Val, Fadel Lo, Giosue Loj, Massimo Lorusso, Rossana Luisetti, Viviana Macias, Fraser MacKay, Anna Marceddu, Silvana Mariniello, Domenico Masotti, Cosetta Mastrogostino, Antonio Mazzotta, Luisa Mazzullo, Mayoro, Assane Mbaye, Kré Mbaye, Seni Mbaye, Jim McIlroy, Franco Meloni, Chrissy Mildren, Alice Mills,Vera Milsztain, Nicolas Moll, Maurizio Muscettola, Moussa NDiaye,Paloma Negra, Brigitte Hoppstock-Neufahrn, Stefano Nuti, Valery Oisteanu, Joe Ouakam, Raffaello Paiella, Carleton Palmer, John Peace, Zach Pine, Frank Pio, Roberto Pisello, Elisabetta Piu, Lucia Pizzani, Rolando Politi, Makhou Pouye, Melissa Proposch, Steve Proposch, Maria Lucia Pugliese, Titi Ray, Maggie Reilly, Reta Reinl, Roberto Rey, Rossella Ricci, Josè Rodriguez, Silvina Romano, Mitch Ross, Barnaby Ruhe, Anna Saba, Seynabou Sakho, Hamidou Sall dit Sall Amewa, Franco Santini, Frame and Josh, Santithitho, Emanuela Santoro, Lillo Santoro, Simona Sarti, Scarlett&Vincenti, Giancarlo Schiaffini, Arleen Schloss, Secka, Angelo Ermanno Senatore, Micaela Serino, Dalit Sharon, Frank Shifreen, Little Shiva, Alberto Soi, Paola Spagnolo, Daniel Greenspan, Ediberta Stefani, Salomon Tourè, Ernesto Stalkern, Antonio Tamburini, Caroline Taylor, Vittorio Terracina, Ariela Testa, Alite Thijsen, Thea Tini, Alison Thomson, Alejandro Thornton, Rita Tondo, Salomon Tourè, Errica Tramcere, Babacar Sadikh Traorè, Ian Trask, Susan Truss, Pasquale Urso,Vincenzo Urso, Shane Van den Acker, Michelle van Gerrevink, Stuart Vaskass, Eve Vaterlaus, Roberta Venanzi, Adamo Verena, Gabriella Viana, Gianni Villella, Giorgio Viva, Archivo Vivo, Carlo Volpicella, Massimo Zanasi, Paulo and Fernando Zornitta, Joan Waltemath.

 

 

made through several acts staged in several parts of the world, with real art exhibitions on the site as well as by digital art contributions exhibited in the Plexus Virtual Gallery.

 

In 2006, 418 digital art contributions to the Erosions and Renaissance Show, collected from 2004 to 2006, from artists from all over the world and exposed in the Plexus Virtual Gallery, were printed in a A3 format copy and united together creating a collective artwork of Metr'Art, 623 feet long, arrived to. Then, this long Metr'Art collective artwork was used to symbolically measure the advancement of the sea erosion in front to the Door of No Return of the House of the Slave in Goree, Dakar. Then, in 2008, it was was exposed at the House of the Slaves on the occasion of the Plexus Call from the Door of No Return for Safeguarding Natural and Cultural Heritage of Humankind.


Dal 2004 Plexus International Forum Onlus sta realizzando in più tappe e in diverse parti del mondo l’evento internazionale artistico itinerante, Erosions and Renaissance, che partendodalla drammatica erosione marina della Casa degli Schiavi di Goree, intende mettere in risalto i molteplici fenomeni di erosione in crescita nel mondo. Un progetto che vede il ruolo dell’artista nella comunità come il conservatore di un archivio vivente contro il black out (azzeramento) culturale, sociale ed economico, per resistere all’erosione temporale-spaziale della memoria storica comune. L' evento internazionale artistico itinerante Erosions and Renaissance Shows, partendo dalla drammatica erosione marina della Casa degli Schiavi di Goree, intende mettere in risalto i molteplici fenomeni di erosione in crescita nel pianeta: dalla memoria all'identità, alle conoscenze locali, dalle diversità ecologiche e culturali, dal benessere individuale e collettivo all’erosione quotidiana dei diritti umani e civili, della pace e della libertà, interessando di volta in volta i più disparati angoli del pianeta.   Il progetto ha la sua particolarità nel respiro globale dell'evento, intendendo con questo termine non solo il coinvolgimento internazionale di centinaia di artiste/i, nelle varie tappe organizzate in diverse parti del mondo, ma anche, utilizzando nuove tecnologie di comunicazione, di affrontare la problematica delle erosioni contestualizzandola al territorio in cui l'evento viene cosicché l'evento stesso diventi ad un tempo locale e globlale. Plexus International intende porre così l'accento sulle problematiche delle erosioni e proporre l'arte, con i suoi linguaggi, come uno dei mezzi per la rinascita. Una rinascita che tocchi il territorio e che nel territorio trovi la sua espressione libera e identitaria.

 È in questo contesto che la Maison des Esclaves nell'isola di Goree, Dakar, Senegal, atroce luogo di schiavitù (oggi patrimonio universale, e sito UNESCO), è diventata per Plexus  simbolo di tutte le erosioni. Tutti gli “ATTI” dell’Erosions and Renaissance Show hanno il denominatore comune di suonare l’allarme sull’erosione della memoria umana e al contempo su tutte le crescenti forme di “erosione” in atto nel pianeta vivente. Pertanto, l’eventoartistico Erosions and Renaissance si è prefisso di contribuire ad attivare l’attenzione internazionale sulla drammatica erosione marina della Porta del Non-Ritorno della Casa degli Schiavi di Goree (Dakar),  come simbolo di tutte le crescenti erosioni in atto nel mondo ed in particolare dell’erosione del nostro patrimonio culturale mondiale UNESCO.

 

TAPPE 2004-2008

 

I° Atto, 29 maggio al 7 giugno 2004, Medina di Dakar (Senegal), in occasione della seconda edizione del Festival "Le Triangle de l'Art", nell'ambito del Dak'Art Off della Biennale di Arte contemporanea Africana.  L'evento ha voluto allertare la comunità internazionale sull'erosione della costa in prossimità della Porta del Non Ritorno della Casa degli Schiavi a Goree, come simbolo della crescente erosione del patrimonio culturale e naturale dell’umanità.


II° Atto, 29 novembre-dicembre 2004, Ballarat, Australia, in occasione dell'Eureka Rising Festival. L'evento organizzato dal Culture Lab International ha voluto attirare l’attenzione sull'erosione del patrimonio aborigino, partendo dall'erosione di un antico luogo di cerimonia, un luogo sacro di festa e giustizia per gli aborigeni e dimora della più grande galleria di arte rupestre, situato nell'altipiano di Maroota, a Muru Drabin, nell'area delle Greater Blue Mountains.

 

III° Atto, parte 1°, 28 maggio 2005,Lecce, presso l'Accademia di Belle Arti. L'evento è stato dedicato all'erosione dei muretti a secco, delle masserie e delle sculture barocche del Salento soggette fortemente all'erosione del tempo. 2° parte, 1 Ottobre 2005, Roma, Accademia Nazionale di Danza.  L'atto è stato dedicato all'erosione del patrimonio alimentare del Mediterraneo e sugli stili di vita delle/i giovani.

 

IV° Atto, 1°parte, 10 Dicembre 2005 Giornata Internazionale dei Diritti Umani,New York, St. Mark Church in the Bowery.  ha messo in risalto l'erosione dei diritti umani e civili nel mondo, ed in particolare ha richiamato l’attenzione internazionale sulla crescente “erosione” del diritto per “tutti” di avere riconosciuti “tutti” i diritti umani espressi nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. 2° parte, 8 Marzo 2006, Barcellona, Giornata Mondiale delle Donne, nell’ambito del VI° Congresso Internazionale della Dieta Mediterranea. L'evento ha messo in risalto l'erosione del modello culturale alimentare della dieta mediterranea che al contempo ribadire anche quanto le donne siano colpite da guerre, violenza e povertà e riaffermare i loro diritti.

 

V°Atto – 1° parte , 19 Maggio - 21 Maggio 2006,Dakar, municipio della Medina, nell'ambito del festival Le Triangle de l'Art,  all'interno del programma DakArtOff - Biennale d'Arte Contemporanea Africana. L'evento è stato dedicato all'erosione della Maison des Escalves di Goree.   2° parte, 21 Luglio 2006,  Las Palmas de Gran Canaria, nella Casa di Cristoforo Colombo, in occasione del seminario Avanzamenti in Nutrizione ed Obesità, organizzato dall'Università di Las Palmas de Gran Canaria. L'atto è stato dedicato all'erosione delle capacità cognitive delle giovani generazioni africane.

 

VI° Atto, in occasione delle Celebrazioni Ufficiali per la Giornata Mondiale dell'Alimentazione 2006, proclamato dalle Nazioni Unite "Anno Internazionale dei deserti e della lotta alla desertificazione",  è stato realizzato tra Palermo, S. Pietro a Maida (Catanzaro) e Sassari per rilanciare l’attenzione sull’Appello Aperto 1992 Cambio di Rotta Columbus Reconciliation Forum e congiuntamente promuovere il rilancio e sviluppo del “L’Appello di Roma per un’azione comune sul Cibo nel Mediterraneo, emesso a termine del 3° Forum EuroMed sulle Culture Alimentari, tenutosi nel 2005 all’Università di Roma “La Sapienza”. La prima parte del VI° Atto  si è tenuta a Palermo, dal 16-18 Novembre, in occasione della tavola rotonda “La Dieta Mediterranea per la Promozione della Salute e la Prevenzione della Malattia”, nell’ambito della Conferenza scientifica internazionale “Cancro al Seno ed Epica della Guarigione: Dall’Epigenetica alla Clinica”. La seconda parte si è tenuta in Calabria, a S. Pietro a Maida, dal 22 al 23 Novembre, in collaborazione con la Fondazione Universitas Italica. La terza parte si è tenuta a Sassari in occasione del seminario di studi “L’Identità Mangiata. Visioni e Percorsi per un ‘Azione Comune sul Cibo”, organizzata con l’Assessorato per le Politiche Sociali e Pari Opportunità del Comune di Sassari.

 

VII° Atto, 4-5 Dicembre 2007, Viterbo, presso il Rettorato dell'Università della Tuscia,in occasione della 1° Conferenza Internazionale del Centro Internazionale Interuniversitario di Studi sulle Culture Alimentari Mediterranee-CIISCAM. L'atto è stato dedicato all’erosione della biodiversità e del nostro patrimonio genetico.

 

VIII° Atto,  12 Maggio 2008,Goree-Dakar,presso la Casa degli Schiavi,all'interno del programma DakArtOff - Biennale d'Arte Contemporanea Africana. L'atto è stato dedicato all'erosione della “Porta del Non Ritorno” come simbolo dell'erosione del patrimonio naturale e culturale dell'umanità. 

 

IX ° Atto, 3-4 Novembre 2011, Roma, presso il Centro Culturale Elsa Morante, all'interno del programma dell'evento collettivo artistico di responsabilità sociale " Diete Sostenibili: Salva il Cibo e la Biodiversità del Mondo con l'Arte", organizzato da Plexus International Forum Onlus e Zoe Onlus. L'atto n. 9 è stato dedicato all'erosione e rinascita del pianeta Gaia.

 

IL VIAGGIO CONTINUA...

 Erosions Manifesto by Seni MBaye, 2004, Dakar
Erosions Card by Micaela Serino, 2006, Roma
188_metrage_map_2004.jpg
188_map_2006_sea_erosion_measurement.jpg
188_certificazione_misurazione_erosione_2002.jpg
Artwork by Haddasah Berry, 2012, Jerusalem
Artwork by Micaela Serino, 2012
 Artwork by Micaela Serino
Act 8, Goree, Dakar
Artwork by Luisa Mazzullo
Act 4, New York-Barcelona
Act 3, Lecce-Roma
Act 2, Australia
Act 1, Dakar
Act 7, Viterbo
Act 5, Dakar